Lo Stato dell’Arte dell’Ad Blocking in Italia

07/02/2017

Lo Stato dell’Arte dell’Ad Blocking in Italia

Il fenomeno dell'Ad blocking sta diventando sempre più rilevante e la necessità di monitorare questa tendenza continua a crescere di anno in anno. Per questo motivo, le principali Associazioni rappresentanti la industry, Assocom, FCP-Assointernet, Fedoweb, IAB Italia, Netcomm, UPA hanno condotto un'indagine dal titolo “Lo Stato dell'Arte dell'Ad Blocking in Italia” coordinata da GroupM e commissionata a comScore e Human Highway con l'obiettivo di effettuare una misurazione integrata degli aspetti chiave del fenomeno dal punto di vista degli utenti della rete e valutare l'impatto che questo ha su inserzionisti ed editori.

L'indagine si basa su tre diverse fonti di dati:

- Panel meterizzato comScore: quantificazione di utenti unici e pagine viste con Ad blocker installato su PC

- Indagine CAWI su panel Human Highway: quantificazione degli utilizzatori di Ad blocker da mobile e da qualsiasi device nonché analisi dettagliata di motivazioni e modalità di utilizzo

- Dati censuari forniti dagli Associati FCP-Assointernet per la quantificazione delle pagine con Ad blocker attive

La seconda edizione dell'indagine realizzata a Novembre 2016 mostra come l'incidenza dell'Ad blocking in Italia sia rimasta stabile rispetto alla prima wave, condotta a maggio 2016: il numero degli utenti unici che hanno installato sul proprio PC un ad blocker resta fermo al 13,0%, 15% le pagine ad-blockate.

Anche per quanto riguarda i numeri chiave misurati dalla Cawi, si confermano i dati della prima wave con un 22,2% di utenti che hanno dichiarato di aver installato l'estensione su almeno un dispositivo utilizzato. Di questa percentuale viene mostrato che il 65,7% degli individui online (PC + smartphone) che utilizza un Ad blocker lo fa in maniera tattica, ovvero configurando whitelist o mettendolo in pausa per accedere a pagine e siti di proprio interesse, selezionando i browser e i device su cui applicarlo.

Tra le ragioni maggiori che concorrono all'installazione degli Ad blocker sono ancora una volta l'utilizzo di formati troppo invasivi o che impediscono di fruire dei contenuti della pagina, la visualizzazione di pubblicità che non sono in linea con gli interessi dell'utente e, in crescita, le problematiche legate alla sicurezza e alla non volontà di condividere i propri dati da parte degli utenti.

La ricerca prende inoltre in considerazione il profilo d'utenza che si dimostra prevalentemente maschile, con un'età tra i 25-34 anni e con un elevato livello d'istruzione, l'utilizzo di Ad blocker in relazione alla fruizione di altri mezzi come TV e radio, quotidiani cartacei e riviste e in relazione all'utenza E-commerce.

Il fenomeno Ad blocking rappresenta sicuramente una minaccia per tutto il panorama pubblicitario digitale e questa indagine potrà aiutare a comprendere quanto e quale valore dell'attuale modello pubblicitario potrebbe essere messo a rischio. E' ora compito degli advertiser riuscire a proporre un'evoluzione del sistema che riesca a creare nuove opportunità per migliorare al massimo l'esperienza dell'utente finale.

Per approfondire l'argomento e scaricare l'indagine clicca qui

Altre news recenti

IAB UK misura l’impatto dell’online advertising sulle vendite

IAB UK misura l’impatto dell’online advertising sulle vendite

15/12/2017

IAB UK ha pubblicato una ricerca sull’impatto della pubblicità digitale sulle vendite...
eMarketer, nel 2017 saranno 2,73 miliardi le persone in tutto il mondo ad utilizzare uno smartphone

eMarketer, nel 2017 saranno 2,73 miliardi le persone in tutto il mondo ad utilizzare uno smartphone

13/12/2017

La penetrazione degli utenti di internet a livello mondiale è in linea con le ...
Per offrirti il miglior servizio possibile in questo sito utilizziamo i cookies, anche di terze parti a solo scopo statistico. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni.