“Dal Virale al Tribale”, la ricerca di comScore-Sensemakers sull’informazione digitale

17/10/2019

“Dal Virale al Tribale”, la ricerca di comScore-Sensemakers sull’informazione digitale

comScore-Sensemakers rilascia una nuova interessante ricerca “Dal Virale al Tribale” che analizza come sia cambiata la lettura delle news on-line ed ha analizzato i comportamenti di consumo delle notizie digitali in Italia concentrandosi in particolare su tre generazioni: la Generazione Z, i  Millennials, e la Generazione X.

L’obiettivo è quello di identificare le principali differenze tra modalità fruizione di ciascuna generazione soprattutto in due ambiti: l’interesse alla lettura; le fonti, i device e le forme di consultazione.

In Italia l’interesse alla lettura delle news on-line è decisamente maggiore rispetto a quella registrata negli Stati Uniti o in Gran Bretagna in tutte le fasce d’età. Sussistono però forti differenze a livello generazionale: il 59% dei giovanissimi dichiara di leggere le News on-line “solo quando ne ha bisogno” mentre la stessa percentuale di appartenenti alla percentuale alla generazione Y si considera “assidua lettrice di notizie”; dato che cresce al 66% nella generazione X.

Dalla ricerca emerge che un appartenente alla generazione Z su tre sostiene inoltre di leggere le notizie malvolentieri e addirittura uno su cinque trova stressante la lettura delle news. Tali percezioni diminuiscono con la maggiore maturità delle generazioni più adulte ma sono probabilmente indicative del fatto che il trattamento polarizzante delle notizie può dissuadere i più giovani dalla lettura delle news.

Viene inoltre evidenziata una differenza significativa tra le generazioni in merito all’utilizzo delle fonti di news: le generazioni più adulte dichiarano di ricorrere prevalentemente ai siti di news, i social network rappresentano invece la fonte informativa primaria per i giovanissimi.

È importante sottolineare inoltre che se si analizza la modalità di ricerca attiva delle informazioni sui fatti di cronaca e le news, i siti degli editori continuano ad essere la destinazione privilegiata da tutte le generazioni. Tutte le generazioni dichiarano inoltre di avere più fiducia in termini di onestà e accuratezza delle informazioni nei siti di news rispetto alle notizie nativamente riportate sui telefoni cellulari e ai Social Network.

L’80% e oltre di tutte le generazioni dichiara poi di soddisfare i propri bisogni informativi con la prima fonte consultata non ricorrendo a percorsi di verifica su altri mezzi. Rispetto ai siti di news i Social Network hanno invece il vantaggio di riuscire ad intercettare e trattenere l’utente sulle proprie piattaforme molto più a lungo.

Ma sui Social Network sono ancora relativamente pochi coloro condividono post relativi alle news e tale fenomeno è particolarmente accentuato tra i giovanissimi, tale situazione dovrebbe portare a far riflettere gli editori che valutano i contenuti in base al loro potenziale di viralizzazione e che hanno costruito i propri modelli di business sulla propagazione via social, misurando condivisioni, traffico e visualizzazioni di pagina sulle piattaforme.

I dispositivi mobili sono il principale device di consultazione delle News on-line. In termini di modalità di accesso alle news da device mobili la navigazione in Browsing e le notizie nativamente presenti sul telefonino prevalgono sulla fruizione mediante App di siti di News specificatamente scaricate.

Articolo di C. Di Iorgi 

Fonte comScore-Sensemakers

Altre news recenti

Global Digital Report 2019: la ricerca di Hootsuite e We Are Social

Global Digital Report 2019: la ricerca di Hootsuite e We Are Social

13/11/2019

Hootsuite e We are Social hanno presentato i nuovi dati del Global Digital Report...
The Media Landscape: lo scenario degli investimenti adv, il rapporto di GroupM

The Media Landscape: lo scenario degli investimenti adv, il rapporto di GroupM

31/10/2019

GroupM presenta il nuovo studio The Media Landscape, curato da Brian Wieser e Rob...
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.