IAB Italia organizza un incontro per aggiornare i Soci sulla Coalition For Better Ads

05/02/2018

IAB Italia organizza un incontro per aggiornare i Soci sulla Coalition For Better Ads

IAB Italia, in collaborazione con IAB Europe, ha organizzato per i Soci, lo scorso 1 febbraio, un incontro di aggiornamento dedicato al tema della Coalition For Better Ads e al progetto “Better Ads Experience Program”Ospite della mattinata Greg Mroczkowski, Public Policy Manager di IAB Europe, che ha aggiornato i partecipanti sulle novità, gli sviluppi e le implicazioni pratiche che le decisioni prese all’interno della Coalition avranno a livello globale e sul nostro mercato.

La Coalition for Better Ads è l’alleanza globale nata a settembre 2016 per promuovere un advertising meno invasivo e quindi per arginare la crescente adozione di sistemi di ad-blocking da parte degli utenti. Il consorzio ha identificato una serie di formati pubblicitari “cattivi” (tra cui alcuni molto comuni, come i pop-up, i prestitial e gli spot in autoplay con il suono attivo) e di un “Better Ads Experience Program”, una sorta di dichiarazione d’intenti, per tutti i soggetti coinvolti, a rispettare promuovere in tutti i modi gli standard pubblicitari stabiliti dalla Coalition for Better Ads.

«L’obiettivo generale della Coalition For Better Ads è quello di migliorare l’esperienza pubblicitaria degli utenti online, per fare in modo che non scappino via dall’advertising attraverso l’adblocking. In questo modo – ha aggiunto – li aiuteremo a capire che c’è un reale valore nella pubblicità che supporta un’internet gratuita e di qualità», ha spiegato  Greg Mroczkowsky. Google (che è membro della CBA) comincerà già dal 15 febbraio a filtrare su Chrome tutti gli annunci degli editori che continueranno a utilizzare i formati “incriminati” e ritenuti fastidiosi da parte degli utenti; a giudicare dalle molte domande dei presenti relative alla fase di test in corso al momento, è evidente il bisogno di maggiori informazioni sulle modalità tecniche adottate da Chrome per il filtraggio.

IAB Italia  e IAB Europe hanno ricordato l’intenso lavoro fatto a partire dalla fine del 2016 per portare le proprie istanze sul tavolo della Coalition, sottolineando che alcune questioni sono ancora in corso di definizione, come per esempio la richiesta che venga creata una autorità EU, almeno in parte indipendente da US, che consenta di modulare le richieste della Coalition sulla base delle specificità dei singoli mercati.

 

Puoi scaricare il materiale dell'incontro cliccando sul pulsante sottostante:

Altre news recenti

IAB Forum 2018: il mercato digitale vale 65 miliardi di euro

IAB Forum 2018: il mercato digitale vale 65 miliardi di euro

15/11/2018

Si è appena conclusa la XVI edizione di IAB Forum. L'evento è stato l'occasione ...
Diventa un Professionista del Digitale con IAB Digital LAB

Diventa un Professionista del Digitale con IAB Digital LAB

09/11/2018

IAB Italia è sempre più attenta alle esigenze del mercato, per questo ha implementato...
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.